Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Associazione Nazionale Professionale Segretari Comunali e Provinciali
Tu sei qui: Home / 11/07/2019 - L’azione revocatoria ordinaria a tutela del credito erariale

11/07/2019 - L’azione revocatoria ordinaria a tutela del credito erariale

tratto da self-entilocali.it

L’azione revocatoria ordinaria a tutela del credito erariale

Pubblicato il 10 luglio 2019

E’ inefficace l’atto di donazione, a favore dei propri familiari, posto in essere dal dipendente pubblico in pendenza del procedimento contabile per danno erariale, in quanto connotato dalla consapevolezza di arrecare pregiudizio agli interessi del creditore.
Questo quanto evidenziato dalla Corte dei Conti, sez. giur. Veneto, con la sentenza n. 94 depositata il 18 giugno 2019, con la quale è stata accolta l’azione revocatoria richiesta dalla Procura nei confronti di un soggetto che si era privato, a titolo non oneroso, di beni immobili di cui era proprietario, trattandosi di donazione a coniuge e figli.
Nel caso di specie il dipendente era stato condannato a corrispondere al Comune di appartenenza il danno patrimoniale da mancata entrata determinato dalla revoca dell’avvio del sistema di rilevazione automatica delle infrazioni dei limiti di velocità installato dalla Polizia Locale dell’ente – di cui egli era Comandante – e dalla conseguente decisione di non completare l’iter di accertamento e contestazione delle infrazioni medio tempore rilevate.
La cessione, a titolo gratuito, della casa di abitazione e relative pertinenze, a vantaggio della moglie e dei figli conviventi (ossia a beneficio di soggetti legati da un particolare vincolo di parentela con il disponente) era avvenuta non solo successivamente all’accadimento dei fatti, ma soprattutto quando il dipendente aveva già ricevuto le contestazioni derivanti dall’invito a dedurre.
La Procura regionale aveva quindi proposto l’azione revocatoria al fine di tutelare la pretesa creditoria del comune.
I giudici contabili, considerata la tempistica dell’atto dispositivo e il particolare vincolo di parentela intercorrente tra donante e donatari (moglie e figli), hanno ritenuto ampiamente provato il requisito della consapevolezza del danno arrecato agli interessi del credito erariale (sull’argomento, si veda anche Corte dei Conti, sez. giur. Veneto, sent. n. 128/2018 e Corte dei Conti, sez. giur. Appello, sent. n. 377/2015).
« ottobre 2019 »
ottobre
lumamegivesado
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031
Una frase per noi

Vi hanno detto che è bene vincere le battaglie? | Io vi assicuro che è anche bene soccombere, che le battaglie sono perdute nello stesso spirito in cui vengono vinte. || Io batto i tamburi per i morti, | per loro imbocco le trombe, suono la marcia più sonora e più gaia. || Gloria a quelli che sono caduti! | A quelli che persero in mare le navi di guerra! | A quelli che scomparvero in mare! A tutti i generali che persero battaglie, e a tutti gli eroi che furono vinti! | A gli infiniti eroi ignoti, eguali ai più sublimi eroi famosi.

Walt Whitman